I migliori tennisti italiani della storia

Link Commerciali | Si applicano T&C | Solo nuovi giocatori | 18+

Il tennis è uno degli sport più amati e praticati dagli italiani e oggi andremo a scoprire quali sono i tennisti più forti nella storia del tennis azzurro.

Nicola Pietrangeli

Nicola Pietrangeli è generalmente riconosciuto come il miglior tennista italiano di tutti i tempi. Nel corso della sua carriera è riuscito ad arrivare sino alla posizione numero tre del Ranking Mondiale. Si è aggiudicato il Roland Garros nelle edizioni del 1959 e del 1960, due Internazionali d’Italia nel 1957 e nel 1961 ed è arrivato per altre due volte in finale sulla terra parigina. Vanta anche una semifinale sull’erba di Wimbledon nel 1960 e un quarto di finale agli Australian Championships nell’edizione del 1957.

Adriano Panatta

Un altro tennista che rientra di diritto tra i migliori azzurri di tutti i tempi è Adriano Panatta, romano classe 1950, che nella sua carriera ha vinto ben 10 tornei del circuito maschile raggiungendo anche 26 finali. Nel 1976 riuscì a portarsi a casa sia gli Internazionali d’Italia che il Roland Garros, diventando il primo e unico tennista azzurro a riuscire nell’accoppiata. Grazie ai successi ottenuti nel 1976 riuscì a raggiungere la quarta posizione nella classifica ATP che ancora oggi è il miglior risultato mai raggiunto da un tennista italiano nell’era Open.

Ecco le domande frequenti sulle promozioni disponibili per le scommesse sul tennis.

Corrado Barazzutti

Friulano classe 1953, Corrado Barazzutti è un altro degli atleti che hanno reso grande il tennis azzurro. Grazie al settimo posto nella classifica ATP raggiunto nel 1978, Barazzutti è il secondo miglior azzurro di tutti i tempi in termini di Ranking nell’era Open. Nel corso della sua straordinaria carriera è stato semifinalista al Roland Garros e agli US Open ed è stato il primo e unico azzurro ed essere arrivato così in fondo in due diversi tornei Slam. Insieme ad Adriano Panatta vanta anche una vittoria della Coppa Davis nell’edizione che andò in scena a Santiago del Cile nel 1976.

Matteo Berrettini

Arrivando ai giorni nostri non possiamo non nominare Matteo Berrettini che nonostante i suoi 25 anni è già uno dei migliori tennisti azzurri di tutti i tempi. Romano classe 1996, Berrettini è dotato di un servizio e di un dritto tra i migliori del circuito e da tre anni a questa parte risiede stabilmente nella TOP 10 della classifica ATP. Grazie alle semifinali raggiunte nell’edizione degli US Open del 2019 e alla vittoria di diversi tornei del circuito, nel 2019 ha preso parte alle NITTO ATP FINALS, torneo che ogni anno viene disputato tra i migliori otto tennisti dell’anno solare riuscendo anche a portarsi a casa la prima storica vittoria italiana nella competizione grazie al trionfo sull’austriaco Thiem.

Jannik Sinner

Un altro giovane che sembra destinato a riscrivere la storia del tennis azzurro è Jannik Sinner, altoatesino di San Candido, che a soli 19 anni è già nella TOP 20 della classifica ATP. Grazie alla finale conquistata all’ATP di Miami, Sinner è stato il più giovane italiano ad aver mai raggiunto la finale in un torneo MASTER 1000 e nel corso della sua giovane carriera è già riuscito a portarsi a casa diversi tornei 250 e le Next Generation ATP FINALS giocate a Milano nel 2019.